Il risparmio tradito. Storie di banche, bancari e risparmiatori

Il risparmio tradito. Storie di banche, bancari e risparmiatori è il libro che la nostra Associazione ha voluto pubblicare, assieme all’Università degli Studi di Verona, per dare voce alle storie di risparmiatori e lavoratori bancari che hanno vissuto i crack finanziari.

L’indagine ha posto l’attenzione sul fenomeno del “risparmio tradito”, ovvero della crisi che si è venuta a creare in vari territori nel rapporto fiduciario tra il mondo delle banche e i propri risparmiatori. In particolare, l’analisi, sviluppata integrando strumenti di natura qualitativa e quantitativa, ha coinvolto risparmiatori “traditi”, lavoratori bancari, sindacalisti e operatori appartenenti ad Adiconsum lungo un itinerario di ricerca che ha esplorato diverse esperienze problematiche appartenenti al territorio veronese.

Autori e curatori Lucia Bertell Silvia Caucchioli Antonia De Vita Giorgio Gosetti. Contributi: Adiconsum Verona, Marco Bersani, Davide Cecchinato, Veronica Macchiavelli.

Collana Sociologia del lavoro

ArgomentiSociologia economica, del lavoro e delle organizzazioni

Livello Studi, ricercheDatipp. 224,      1a edizione  2019   (Codice editore 1529.2.144)

In questi ultimi anni il settore bancario è stato investito da molteplici sollecitazioni al cambiamento. Posto spesso al centro delle trasformazioni di un capitalismo che ha fatto della svolta finanziaria una chiave operativa e identitaria privilegiata, il mondo delle banche in vari territori è stato protagonista anche di vicende che hanno messo fortemente in crisi il rapporto fiduciario con i risparmiatori. È proprio quello del “risparmio tradito” lo scenario nel quale è stato sviluppato il percorso di ricerca presentato nel volume, che ha visto la stretta collaborazione fra il Laboratorio TiLT/Territori in Libera Transizione, afferente al Dipartimento di Scienze Umane dell’Università di Verona, e Adiconsum Verona (Associazione Difesa Consumatori e Ambiente).

L’analisi, sviluppata integrando strumenti di natura qualitativa e quantitativa, ha coinvolto risparmiatori “traditi”, lavoratori bancari, sindacalisti e operatori appartenenti ad Adiconsum lungo un itinerario di ricerca che ha esplorato diverse esperienze problematiche appartenenti al territorio veronese. Emerge un profilo decisamente composito dei rapporti fra banche, operatori bancari e risparmiatori, caratterizzato però da una generalizzata caduta del legame fiduciario che ha segnato lungamente i rapporti fra i diversi attori in gioco.
L’indagine, ponendo l’attenzione sia sulle dimensioni organizzative che sui vissuti di tutti i soggetti coinvolti nel sistema bancario finanziarizzato, mostra che il fenomeno del “risparmio tradito” può essere compreso alla luce di un capitalismo biopolitico e bioeconomico che ripensa il sistema produttivo e la produzione di valore fagocitando le soggettività e i contesti vivi di lavoro. Le nuove modalità di produrre beni e servizi rischiano di portare con sé i tratti di una violenza finanziaria che attraversa il sistema a tutti i livelli – macro, meso e micro – e che vede nei risparmiatori e negli operatori bancari gli anelli deboli di un sistema profondamente mutato.

Chi fosse interessato all’acquisto può contattare la nostra Associazione oppure l’editore Franco Angeli.